Guazzabuglio

Guazzabuglio – Romanzo illustrato

Guazzabuglio è il primo romanzo che Oscar abbia voluto lasciar uscire dal cassetto dei sogni, la prima storia per cui gli è sembrato giusto chiedere anche a dei perfetti sconosciuti un po’ del loro tempo, per starla ad ascoltare. Per aiutarla a spiccare il volo, Maria l’ha rivestita con le sue illustrazioni, entrando in sintonia con il protagonista: un pittore come lei. Tuttavia, se adesso questo libro esiste, lo deve alla curiosità dei lettori, la stessa che li ha spinti a sostenere la campagna di crowdfunding su Kickstarter e a seguirne i progressi sulla pagina Facebook.

Solo grazie a loro, citati uno per uno sul sito personale di Oscar, ora è possibile acquistare una copia del romanzo, magari con le spillette dei suoi protagonisti o con una stampa numerata su carta fine art delle illustrazioni di Maria. Tutto da qui, nel nostro negozio online.

Ma di che cosa parla questa storia?




Guazzo è un pittore di strada, dimenticato da tutti, ma incapace di dimenticare.
Basta guardare i suoi graffiti, per capire. Basta lasciarsi guardare da loro, quando prendono vita.
Buio è un’ombra, disegnata da Guazzo nel trompe-l’oeil di una caverna.
Vuole seguire il suo creatore, per scoprire. Vuole che lui lo segua, spingendosi oltre ogni limite.
Insieme vedranno il grigiore dell’asfalto sfumare in un guazzabuglio imprevedibile di colori, a partire dal rosso vivo del sangue per arrivare fino al blu profondo degli abissi della memoria. Perché c’è sempre un prezzo da pagare per l’ispirazione.

Una storia in bilico tra realtà e immaginazione, dove la porta del fantastico attende socchiusa ai margini della strada. Può davvero offrire una via di fuga da se stessi? O varcarla significa andare incontro a nuove rivelazioni? Quando la luce della ragione trema, disegna ombre più oscure e profonde.

  • Un racconto surreale e visionario, in cui l’arte si fa viva e ci spinge a ritrovare noi stessi – Giuseppe Festa, autore de Il passaggio dell’orso e de L’ombra del gattopardo

  • Un libro vive nello spazio tra la penna di chi lo scrive e il cuore di chi legge. Alcuni di questi spazi non sono sicuri: navigate con prudenza, fate attenzione alle ombre, tornate a casa interi. Oppure perdetevi, non sono vostra madre – Sara Lando, autrice di Magpies

  • Un labirintico viaggio interiore, alla scoperta di quel potere che solo l’arte possiede – Elena Zanzi, autrice di Somnia. Artefici di sogni

  • Oscillando tra realtà e immaginazione ogni personaggio, ogni avvenimento, ogni dettaglio acquisisce una tinta più vivida e al tempo stesso più atroce – Susi

  • Una riflessione sull’arte come evasione dalla realtà, ma anche come unica forma d’espressione che permetta di essere se stessi, e un inno alla letteratura fantastica come trasgressione – Lorenzo Trenti, giornalista su Fantasy Magazine